THE BEST Los Angeles Casino Hotels of 2021 (with Prices ...

Future of the franchise

Here are my ideas to what they should do for the future games
Mafia I Remastered (Upgrade to next gen graphics, fix the lighting and the few glitches. Change some things like when you fill up your gas tank show Tommy doing it like in Mafia II instead of what we got now, change the drive by it’s too easy, give us the option to change clothes in the story instead of just in free roam and add all the golden guns too. Change the way he goes up and down a ladder because that’s exactly like Lincoln Clay, change how he throws molotov and also change how he takes cover because that’s also exactly like Lincoln. Also change the way npc’s react when they’re shot or shot at and make them smarter. Add rival gangs so we can fight them in free roam. Make the bullet holes on npc’s and Tommy better. Add some things like trams, trains, a wanted system exactly like Mafia II, places to eat, ability to smoke, clothing stores, vehicle customizations, trafic lights so we can get a ticket when we run over red light, maybe some ambulances that can arrive when people die and make the police do a crime scene where the people died, more free roam missions where you could be inspired by the ones in the original Mafia and some more scores to the chapters. I love the scores that are there now but sometimes it gets a little repetitive and could be refreshing if there were something new. I know this is a small thing and I also know that you can see it on the map but I would love for them to write the date of the chapter when the chapter loads up like in Mafia II.)
DLC: Don Peppone (Everybody would love to see this. We all wants to see what happened. Let the game take place in 1910s to late 1920s. Let’s see a commission meeting with the big names from Mafia II, III, IV and V when Don Morello and Don Salieri became rivals. Show Carlo’s father. Maybe we could also see Alberto Clemente get his family accepted at the commission meeting in 1929. Show how Paulie and Sam got accepted into The Salieri Family. Would also have loved to see a cameo of Don Vinci to see the friendship between Don Salieri and him.)
DLC: Mafia II Mobile (This is a really good story that only a few has tried. It takes place in 1938 about a protagonist called Marco Russetto who is the nephew of Vincenzo. He travels to Empire Bay to find Tommy Angelo after he betrayed The Family. He starts working for Henry Tomasino. Look up the story it’s really interesting he works for Don Falcone and Don Vinci. He ends up in prison at some time also. There are some things in the story that you would have to change so it would make sense but this really does have potential. Plus if you created this Empire Bay map then you could use it for a Mafia II Remake.)
Mafia II Remake (It needs it. It truly needs it when you look at all the things that where scrapped. Add all the cut content. Add some amazing next gen graphics and a fantastic engine. Don’t change the characters look or voice since this game has the best voice acting in the world. Add more chapters to it so it would be longer and fill out the holes in the story. And let’s see more background to the characters. Maybe add some countryside to expand the Empire Bay map. Make some references to Los Ondas and the mobsters there. Make also some references to Mafia III and IV characters. Let’s see the return of the cigarette cards where we see the big mobsters of the 40s.)
DLC: Vinci-Moretti War (Very interesting story. We would love to see why this war happened and to see how Don Falcone and Eddie Scarpa took over after Don Moretti died. To see a younger Leo Galante and Don Vinci in the war and how they acted. Would also love to see how Alberto Clemente took over Don Moretti’s and Don Vinci’s businesses. That would explain why Leo Galante hated Alberto so much. You could maybe include Fredo Clemente somewhere there and maybe see Alberto give Henry Tomasino a job and Luca Gurino’s involvement. Let’s see more to Jack Olivero and Tony Balls since he was the driver in the car with Don Moretti where Steve Coyne planted the bomb and killed Don Moretti. Show how Derek Pappalardo was involved in the war and how he got rewarded the docks.)
DLC: Joe’s Adventures Remake (To this one they need to add cutscenes. Interesting point of view to see it when Vito was in jail but it lacked cutscenes. Let’s hear more about Tony Balls and Rocco.)
Mafia III Remake (A game with a lot of good elements, great story and great characters. Fix all the glitches and lighting. I had 2 problems with this game. Number 1 was that it was really repetitive. I don’t feel it had a good reply value like the other 2 games. I think this remake should make it chapter to chapter based so we don’t have to take over all those rackets again and again. Number 2 was that I didn’t feel it was so connected to the franchise. I felt with a remake where you add some chapters and some voice recording where you hear about some of the characters from Mafia I, II and IV would help a lot. And as I stated below I think Mafia IV should be a prequel to Mafia III being set in the gap of Mafia II and Mafia III. So therefore you could add Mafia III characters to Mafia IV’s story. Since it’s the 30th anniversary of The Salieri Family case then they should add a newspaper about it. Maybe tell that Detective Norman has retired. Make some references to Los Ondas and the mobsters there. Add again the cigarette cards and show the big mobsters of the 60s)
DLC: All Saint’s Day Massacre (It would be amazing to have a prequel to Mafia III about Sal Marcano and his brothers to see how they took over New Bordeaux. Let’s see how Sal tricked his brothers to kill Don Carillo and how Valerio Marcano died and let’s see some background to Sal’s brother Lucio. It would also connect us more to Mafia III’s story where this is the Marcano Family’s rise and Mafia III is their downfall. Would love to see a commission meeting with Sal where he introduces himself as the new don of New Bordeaux. Let’s see some more to Roman Barbieri, Frank Pagani, Gianni and Tony Derazio and Enzo Conti and how they got recruited. Let’s see Thomas Burke and Sammy Robinson and the rest of the Black Mob and how they ended up working for Sal Marcano and maybe their problem with the Haitians.)
Mafia IV (Set as a prequel to Mafia III in Havana and Florida. Inspired by Godfather II and Meyer Lansky’s story. Tell the story about Fredo Clemente. Let’s see Sal opening his casinos in Havana and how Tommy Marcano got to work for him. Let’s see the other families settling down in Havana. How did Fredo react when his brother died and wouldn’t he kill the 2 who did it? Maybe some families from other states where causing trouble. Maybe the families from Pennsylvania would like a slice of the casinos. Let’s see an introduction to Louie Romeo just to see him. Tell more about Nino Santangelo since he is cuban. Since the events of this game is taking place before Mafia III maybe we could see what happened to Lucio Marcano when he died in 1962. Make some references to Los Ondas and the mobsters there. Add again the cigarette cards and show the big mobsters of the 50s.)
DLC: Pennsylvania (Inspired by The Irishman, The Pittsburgh Family and The Bufalino Family. Let’s see some of the Mafia there and how they wanted to take control of some of the casinos in Havana. Show their connections to The Empire Bay families. Maybe Louie Romeo could be from this state.)
Mafia V (Inspired by Casino and Mickey Cohen’s and Bugsy Siegel’s story. Now this should be about Los Ondas and how the Mafia wanted to take control on the West Coast. Los Ondas should be Los Angeles and Las Vegas combined. It should take place from the 30s-80s. Let’s see when the commission from the East wanted Louie Romeo to make their move on the West. It would be interesting to see Los Angeles in the 40s-50s and Las Vegas in 70s-80s. Let’s see a war in the Las Vegas strip. This would take place at the same time as the other mafia games so make some references and cameos from the characters from the other games. Maybe Fredo Clemente and Louie Romeo could be in war so you could see it from 2 different perspectives. Mafia IV would be Fredo’s perspective and Mafia V would be Louie’s perspective. Since it also takes place after the events of the other games let’s see what happened to the families in those citys. Like we could see who was running Lost Heaven after the 30’s and who ran Empire Bay after the chaos that Vito, Joe and Henry has caused.)
DLC: San Francisco (Maybe a map expansion and show how the family operated there.)
submitted by samircorleone to MafiaTheGame [link] [comments]

Il mio viaggio nella storia del cinema: dal 1960 al 1964

Sono quasi al termine della mia carrellata nella storia del cinema, perché attualmente mi sto godendo la visione dei film del 1969, nice, e ne avrò certo per 2 mesi. Quindi col prossimo post mi metto in pari, ma intanto ecco qualche spunto per questi 5 bellissimi anni di cinema che sono la prima metà degli anni '60.
1960
Di quest’anno ho visto 275 titoli e ho dato almeno un 8 a 47 film, è un grande anno di cinema ma ne segnalo giusto 5, e tutti italiani! E per complicarmi la vita non parlo né della Dolce Vita, né dell’Avventura, né di Sordi e nemmeno della Ciociara. Mi sono piaciuti? Certo che sì, perché a qualcuno no?
Era notte a Roma” di Rossellini mi piace tantissimo. Intanto è il mio film preferito con Giovanna Ralli, che prima della Ferilli c’era lei, e poi c’è Leo Genn (Petronio di Quo Vadis?), il mio beniamino Renato Salvatori e in un ruolo commovente il russo Sergey Bondarchuk, il quale tra l’altro nel 1959 aveva diretto e interpretato l’intenso e ottimo “Il destino di un uomo”. Torniamo alla Ralli che in piena WWII vive in una casa all’ultimo piano di un palazzo ed escogita gli espedienti del caso per portare a casa un po’ di zucchero, del vino o della pasta. Siccome è sveglia, i partigiani la scelgono per ospitare in gran segreto tre soldati alleati su in soffitta. La Ralli si ribella ma alla fine fa il suo dovere, e i 3 sono al sicuro. Per accedere al soffitto c’è un passaggio segreto dietro l’armadio (Anna Frank mi viene in mente), e i 3 diventano amici tra loro e amici suoi. Ora però il problema è che siamo in guerra e che è un film di Rossellini, non di Walt Disney. Quindi tenetevi pronti.
Adua e le compagne” invece è un gran cast al femminile capitanato da Simone Signoret con il buon supporto di Emmanuelle Riva e Sandra Milo. Molto prima di “Ciro! Ciro!” la Milo era attrice di culto degli anni ’60, e non solo in mano a Fellini. In quest’anno per esempio è accanto a Lino Ventura in “Asfalto che scotta”, per dire. Certo è la Milo, la voce è quella, la figura è quella, la verve anche. Qui hanno da poco chiuso le case chiuse e sfrattato le Signorine che le popolavano. Signoret decide quindi di mettersi in affari e avviare una trattoria in un casolare di periferia insieme alle amiche. Faranno a turno in cucina e ai tavoli, e magari se qualche cliente vuole qualche massaggio, perché no? L’idea funziona e la trattoria va bene, ma le amiche cominciano a voler cambiare vita, o si rendono conto che in realtà non possono. Ci sono quindi 4 reazioni diverse causate dagli eventi che si susseguono. È un film in cui si sorride e che ti dà un po’ di malinconia, ma si sente l’odore di frittata, di cipolla, di basilico.
Dolci inganni” di Lattuada è il primo film che ho visto con Catherine Spaak. Per me la Spaak era una presentatrice tv. Da ragazzo guardavo Harem, o anche Forum quando lo presentava lei. Sì, sapevo che aveva recitato, ma non ci avevo mai fatto caso veramente, mi aspettavo un paio di film senza pretese. Invece, anno dopo anno nel mio percorso cronologico mi accorgo che nella prima metà degli anni ’60 la Spaak aveva i ruoli migliori, era bellissima, brava e tra le attrici più famose. È stata una rivelazione per me. Teniamo presente che la Spaak aveva nel 1960 solo 15 anni. Era bravissima! Per l’età che aveva spesso aveva parti alla Lolita. Qui ad esempio è attratta da un amico di famiglia che ha quasi 40 anni. La Spaak era seducente, fresca, intrigante. Gran sorriso. Questo film e anche altri successivi mi sono parsi modernissimi: la settimana prima vedi le attrici americane con le gonne a campana e il filo di perle del dado Knorr, la settimana dopo c’è la Spaak che flirta con un architetto. Magnifica.
La maschera del demonio” è uno dei film del filone italiano horror. Quando leggo horror penso al sangue e alla motosega elettrica, quindi non faccio una faccia contenta, mi stufo. Però a fine anni ’50 si attiva questo piccolo genere in cui emergono mostri e vampiri che in breve si afferma e crea uno stile invidiato ovunque. Sì, qui una donna viene uccisa con una maschera piena di chiodi acuminati, ma non devi metterti le mani davanti agli occhi perché fa troppo impressione. C’è il giusto bilanciamento tra suspence, storia, effetti speciali e ridicolaggine. Non sono film di livello A+ però sono veramente tipici di quest’epoca, ti fanno capire meglio di altri il gusto di chi andava al cinema in questi anni e per questo per me sono interessanti.
Rocco e i suoi fratelli” è un film che voglio rivedere, ma non so quando sarò pronto per rivederlo. Quest’impressione me la fanno pochi film, quelli che mi colpiscono così in profondità che devo prepararmi psicologicamente alla visione successiva, e anzi devo prima capire se voglio affrontarla. Schindler’s list, Se7en, Casino e Full Metal Jacket sono altri film che mi hanno fatto lo stesso effetto. Dunque qui abbiamo una famiglia di emigrati che va a vivere in un seminterrato a Milano. Sono tanti in poco spazio e si arrangiano. La matriarca è l’ottima Katina Paxinou che capisce e gestisce con pochi sguardi. I figli sono Rocco e i suoi fratelli. C’è qualcosa di buono in questi ragazzi, ma c’è anche la vita in agguato. Le strade che prendono sono forse prevedibili se vogliamo, ma questo le rende anche più tragiche. Una donna entra nella vita dei fratelli Alain Delon e Renato Salvatori. Ora, c’è una scena in cui Alain Delon è disteso sul letto, un po’ sbilenco, con lo sguardo rivolto verso la telecamera, e quella scena è indelebile nella mia memoria, è come se Visconti mi sussurrasse all’orecchio quello che vuole dire. Ma ovviamente il dramma che si consuma tra Salvatori e Girardot è ovviamente il cuore del film ed è la scena che non voglio mai più vedere, perché nel farlo perderebbe forse la carica di sorpresa, sgomento, emozione che mi ha trasmesso la prima volta e ci resterei male, o peggio ancora mi renderebbe ancora più sorpreso, sgomento ed emozionato della prima volta, e ci resterei secco.
1961
Di quest’anno ho visto 250 titoli, e 45 hanno preso almeno 8. Compresso tra due anni fantastici, il 1960 e il 1962, qui mi esalto meno, ma ci sta.
Madre Giovanna degli angeli” di Jerzy Kawalerowicz è uno di quei film che ti fa sentire figo e intellettuale già solo a pronunciare il nome del regista, ma il punto è che mentre scrivo queste righe ho in mente la scena della suora posseduta dal demonio che spalle al muro fronteggia il giovane sacerdote inviato nel convento a indagare, e capisco che quest’immagine così potente è scena da grandi film. Tutto il film è inquietante e malato, intanto sembra più vecchio di quello che è, pare realizzato negli anni ’40, il che secondo me aggiunge disagio alla visione. Però negli anni ’40 alcune scene sarebbero state solo abbozzate e il film avrebbe avuto un diverso impatto. Il prete scoprirà come mai il demonio ha preso possesso del convento?
L’anno scorso a Marienbad” di Alain Resnais è un film che non ci ho capito niente. Lo confesso. Tuttavia, mentre lo guardavo con estrema perplessità ne restavo ugualmente affascinato. Come un bimbo che è schifato da uno scarafaggio spiaccicato sul pavimento e però vuole vederlo ancora più da vicino, più passavano i minuti e più cercavo di capire dove voleva andare a parare Resnais, più mi arrendevo e mi lasciavo ipnotizzare. Alla fine non mi interessa se non ci ho capito niente, so solo che per un’ora e mezza sono stato preso e portato in un altro posto e ho visto qualcosa che non avevo mai visto prima. Per cui, mi è piaciuto.
La primavera romana della signora Stone” di José Quintero invece è un bel melodramma. C’è una signora che fa un viaggio a Roma e si imbatte in un giovane gigolò. Tutto qua ma attenzione: lei è Vivien Leigh e lui Warren Beatty. La Leigh aveva 50 anni mentre Beatty 25. Lei era una rosa conservata tra le pagine di un vecchio diario, lui è il rumore dell’acqua del mare sugli scogli; nello sguardo di lei ci sono tante risposte, quello di lui ti fa fare mille domande. Bellissima e tormentata la Leigh nel suo penultimo ruolo, bellissimo e spavaldo Beatty nel suo secondo ruolo: combinazione da non perdere.
I peplum andavano tanto a inizio anni ’60. Cinecittà era invasa da sandali, toghe, Circi e Meduse. L’epoca d’oro di questo genere è quella che va dal 1958 al 1963 circa. Per ogni Marvel di oggi c’erano 2 Ursus all’epoca. Sansone, Argonauti, Macisti contro Zorro e assurdità del genere. Grandi massi di polistirolo, matrone romane coi capelli stile Jackie Kennedy, ave Cesari e muscoli luccicanti, la gente adorava i peplum. Tante erano le star di questo genere che però non riuscirono a farsi un nome al di fuori. Tutto finì probabilmente con 2 film e cioè la Caduta dell’impero Romano, che fu un fiasco, e Cleopatra, che mandò il genere in burnout e dopo nessuno ne voleva più sentire parlare.
I musicarelli, a loro volta, erano un genere tipico degli anni ’60, In realtà si estendono più o meno dal 1958 al 1972, ma trovano l’apice coi vari Gianni Morandi, Rita Pavone, Caterina Caselli e Little Tony, quindi verso il 1964-67. Bisogna considerare che da Modugno in avanti i canzonettisti dei primi anni ’50 erano già surclassati. Andavano ora gli urlatori. Nasce una generazione di artisti fortunatissima, che in gran parte ancora oggi ha largo seguito, basti pensare a Mina, Vanoni, Celentano, che si affacciano volentieri al cinema di quegli anni. I musicarelli si somigliano: ci sono giovani protagonisti il cui amore è osteggiato dalle famiglie o giovani di talento che cercano di farsi strada nel mondo della canzone. Questi sono i temi. I primi musicarelli sono sequenze di canzoni intercalati da qualche scena con Nino Taranto onnipresente, i successivi sono un po’ più maturi e le canzoni sono più integrate con le storie. Per esempio quelli con Morandi sono così. Verso la fine degli anni ’60 c’era già invece un cambiamento nel gusto sia musicale sia proprio culturale, e si vede che il genere sta per arrivare al capolinea.
1962
Quanto mi piace quest’anno di cinema! Forse è il mio preferito di sempre? Ne ho visti 254 di titoli e ho dato almeno 8 a ben 81 titoli. Secondo me è perché non mi aspettavo che mi piacesse così tanto, provo a spiegare. Quando ero ragazzino io i protagonisti del cinema italiano di questi anni mi sembravano così vecchi e antiquati, che a prescindere io non li amavo e mi rifiutavo di vedere questi film. Sapete come succede coi ragazzi, per loro una moda di 3 mesi fa è archeologia. Quindi quando in tv uscivano Manfredi, Tognazzi, Gassman, Sordi, Mastroianni & co, sbruffavo e dicevo uff che palle e me ne andavo a giocare al Commodore64. Questa è la mia epoca. Ora, trascorsi 40 anni, fedele al mio proposito di guardare di tutto senza preconcetti e con gli occhi di chi vede per la prima volta questi film, resto sorpreso: siamo in un’epoca d’oro del cinema italiano e non solo: le città, le auto, gli abiti, i modi di dire, i gesti degli attori di tutti gli anni ‘60, mi riportano flash dei miei genitori, dei miei nonni, delle persone che vivevano negli anni prima che nascessi io. È come assaporare momenti di una vita che non hai potuto vivere, è bello! Queste cose di cui sto blaterando hanno senso solo a livello personale, certo, d’altra parte questa rassegna “è personale” e non ha la pretesa di indicare quanto oggettivamente di meglio sia uscito in questi anni. Tenuto a mente ciò ecco 5 titoli, giusto per non fare impazzire la scrollbar di chi legge. E lo so che non ho messo Sorpasso, Baby Jane, Antonioni, Kubrick, Frankenheimer e Gregory Peck.
L’angelo sterminatore” di Bunuel è sorprendente. Questo regista aveva iniziato molto tempo prima, 33 anni, col corto d’avanguardia “Un cane andaluso”, quello della lametta negli occhi per intenderci. La sua fase surrealista è importante però mi intriga meno. Dopo un lungo periodo di titoli passati in secondo piano, negli anni ’50 comincia a girare film tra virgolette più classici. Il Bunuel degli anni ’60 per me è a livelli eccezionali. Nell’angelo sterminatore c’è un ritrovo con molte persone che bevono e conversano e flirtano e si disprezzano a vicenda. Ogni volta che qualcuno prova a andar via cambia idea, o viene bloccato, o succede qualcosa di strano per cui non riesce. All’inizio nessuno ci fa caso, ma col passare delle ore inizia a montare l’ansia perché è chiaro che sono tutti intrappolati, come in una sorta di incantesimo. Man mano scarseggia il cibo, l’acqua, e la volontà cede: non riescono ad andar via, sono in gabbia, intrappolati. Il titolo, e il motivo per cui questo succede ognuno lo deve capire da solo.
Anna dei miracoli” non ha niente a che vedere con le aureole ma è la storia molto commovente di una ragazza con gravi disabilità e della sua maestra, che sono Patty Duke e Anne Bancroft. Mentre per tutti la ragazza non è che un caso umano da trattare praticamente solo col pietismo, per la Bancroft è un essere umano capace di comprendere e apprendere, che va educato e a cui bisogna dare delle regole per il suo bene. La sfida che ha davanti la Bancroft è tremenda, perché per ottenere pochissimi risultati ci vogliono settimane di lotte. Il film è una grande prova di attrici, entrambe spettacolari. C’è una lunghissima sequenza nella sala da pranzo, quando Patty Duke si rifiuta di mangiare in ordine e la Bancroft si ostina a insegnarle come fare, che ti lascia senza fiato.
L’uomo senza passato” è un film di un regista francese, Bourguignon, con un protagonista tedesco e cioé Hardy Krueger, e una ragazzina talentuosissima, Patricia Gozzi. Hardy è un veterano, che soffre di amnesia in seguito agli choc subiti in guerra, e vive una vita solitaria e malinconica. Un giorno incontra una ragazzina con la quale stringe un rapporto di amicizia. Lei è sola e ha bisogno di una figura paterna, lui è solo e ha bisogno di sentirsi utile e di voler bene a qualcuno. C’è tanta tenerezza in questo film, e malinconia. Per quanto solo a leggere di un’amicizia tra un veterano e una ragazzina molti subito possono pensare a risvolti poco piacevoli, qui non è mai in discussione l’eventualità che possa succedere qualcosa di male alla ragazzina. Kruger è un gran attore che rifiutò anche una nomination ai Golden Globe ai suoi tempi. La Gozzi a mio parere è tra le migliori baby star di sempre. Al suo attivo solo 6 film nei quali però è sempre formidabile.
L’odio esplode a Dallas” è un film di Roger Corman con William Shatner prima che finisse sull’Enterprise. Shatner non è mai stato uno di quei attori per cui ci si strappa i capelli, ma è bello vederlo in un ruolo diverso da quello a cui siamo abituati. Questo film è bello perché ti sorprende, siamo dopo tutto in piena fase di integrazione razziale, che nonostante Rosa Parks o MLK era ben lungi dal verificarsi compiutamente. Questo film ti mostra un lato del razzismo violento e intenso con gli occhi dell’epoca, senza voler fare troppe morali o senza intenti puramente educativi. Qui c’è l’odio razziale, le croci che bruciano, le scuole per soli bianchi, l’incitazione alla violenza. È un film avanti per i suoi tempi.
Il lungo viaggio verso la notte” è un’opera teatrale trasportata al cinema per la gioia di Katharine Hepburn che così poteva avere per le mani pane per i suoi denti. I personaggi sono solo 4, una famiglia che si ritrova e che si rinfaccia le cose, si racconta le cose, si scopre, si allontana e si riavvicina. È uno di quei drammoni familiari in cui quando un personaggio dice qualcosa per ferire gli altri, ti tiri i piedi dall’imbarazzo. Si segue naturalmente volentieri perché i 4 attori sono tutti di primo livello. Oltre alla Hepburn c’è il veterano Ralph Richardson, c’è Jason Robards e c’è Dean Stockwell che era una baby star a fine anni ’40 e che è riuscito ad avere una lunghissima carriera. Nei primi anni ’60 Stockwell sembra quasi il fratello minore di James Dean. Pare che sul set facesse freddissimo per cui Stockwell si aiutava con l’alcool, al che la Hepburn era indignata, ma quando lo venne a sapere gli regalò una coperta.
1963
Sono ben 289 i titoli che ho visto, con 57 a cui ho dato almeno 8. I miei preferiti in assoluto sono 8 e mezzo e gli Uccelli di Hitchcock, ma scrivo 2 righe su altro.
Blow job” di Andy Warhol è una specie di documentario in cui vediamo il volto di un ragazzo e le espressioni che fa mentre fa sesso. I film di Andy Warhol per me sono veramente dei relitti di altri tempi. Certo negli anni ’60 Warhol era uno degli artisti di prima categoria, ma se parliamo dei suoi film e dei suoi documentari, non dei dipinti allora scusate un attimo. Ne ho visti un sacco e sinceramente non me ne importa niente se faccio la figura di chi non ha gusto o e non ne capisce, ma li trovo orribili, una lotta testa a testa con quelli di John Lennon e Yoko Ono, se è per questo. Mi volevo togliere lo sfizio di dirlo.
Il servo” di Losey, invece qui si ragiona, c’è Dirk Bogarde che entra a servizio nella casa di una coppia che ha i suoi alti e bassi. “Sì signore, certo signore, come desidera signore”. Col tempo, studiata bene la situazione e i caratteri dei padroni le cose cominciano a cambiare. “Se proprio crede signore, come meglio crede signore, appena riesco signore”. Più la coppia scoppia più Bogarde inizia ad avere la meglio nel suo braccio di ferro psicologico col padrone e i ruoli fatalmente si invertono. Bogarde si mette bello comodo in poltrona, e che sia il padrone a mettergli le pantofole, adesso. Questo personaggio è rimasto come forse il più memorabile dell’attore inglese prima della fase Visconti.
La ballata del boia” di Berlanga è il film che mi ha fatto dire “ok mi piace Nino Manfredi”. Per me fino a qualche anno fa era solo Mastro Geppetto, non è colpa mia. Invece negli anni ’60 Manfredi incarna l’uomo medio italiano meglio di chiunque altro. Tognazzi era uomo virile e dai grandi appetiti, Gassman era esuberante e pieno di cazzimma, Mastroianni era sensuale e fatalista, invece i ruoli di Manfredi erano quelli di persone che subiscono gli eventi, che subiscono il rapporto di coppia, che devono ingegnarsi per venire a capo delle cose. Era possibile immedesimarsi in Manfredi. In più era dotato di grande talento comico, anche nei ruoli tragici bastavano due espressioni per farti sorridere anche quando gli capitava di tutto, come in questo caso, in cui sposa una giovane il cui padre è un boia e per tradizione tocca al figlio ereditare il mestiere del genitore, quindi da un giorno all’altro Manfredi ora deve svolgere le esecuzioni dei detenuti, anche se non ha il pelo sullo stomaco. Divertente.
I gigli del campo” è uno dei tanti film degli anni ’60 con Sidney Poitier che si afferma come icona culturale assoluta. Questa storia semplice vede Poitier giungere per caso nei pressi di un piccolo convento. La madre superiora convince Poitier a lavorare per loro, hanno intenzione di ristrutturare un po’, ma Poitier aveva ben altri programmi. Alla superiora non interessa un bel niente dei programmi di Poitier perché se è lì, vuol dire che Dio l’ha voluto lì. Ne vengono fuori tanti dialoghi divertenti, Poitier fa la sua espressione come per dire “che pazienza che ci vuole con questa”, la superiora Lilia Skala è bravissima e in tutto ciò Poitier si affeziona alle suore e trova anche il suo scopo nella vita.
Nella prima metà degli anni ’60 la tv era ormai nelle case di tutti gli italiani, i quali amavano gli sceneggiati, Canzonissima, Mike Bongiorno e il telegiornale. Abbondano i documentari che mostrano i vari aspetti dell’Italia del boom, un Italia ancora molto eterogenea ma per questo tanto interessante da raccontare. Si possono trovare in giro tanti documentari come “Fazzoletti di terra” in cui due contadini si costruiscono le loro terrazze per coltivare sollevando una a una delle grosse pietre a mano. Una vita passata a spezzarsi la schiena. Poi ci sono le interviste sui temi d’attualità ad esempio “In Italia si chiama amore”, e i docu geografici che mostrano le costruzioni di dighe, dei tralicci per la corrente, di sopraelevate e autostrade, che io trovo assolutamente affascinanti. Andavano poi i cosiddetti Mondo film, che erano documentari su temi scabrosi, in genere erotismo e pornografia (tipo “Mondo di notte”, ma affrontavano anche altri temi, per esempio era scioccante “Mondo cane”. Per quanto riguarda gli sceneggiati della prima metà degli anni ’60 vanno citati almeno “La cittadella”, “Il mulino del Po” e “una tragedia americana”.
1964
Il 1964 è un altro anno strabiliante per me. Ho visto 372 titoli tra film, corti, documentari, serie tv. Ho dato 8 o più a 65 di questi. Questo è l’anno della famiglia Addams e di Vita da Strega, è quello in cui parte la serie di Angelica e va di moda Sellers, Ursula Andress, Julie Andrews, Louis de Funes e Gianni Morandi. Bette Davis e Joan Crawford si dedicano al mystery con sfumature horror e diventano famose le sorelle Dorleac: una morirà giovanissima, l’altra ancora oggi è conosciuta in tutto il mondo come Catherine Deneuve. Antonioni gira il suo primo e bellissimo film a colori, Connery è alle prese con Goldfinger prima, con la Lollo e con Hitchcock poi, e la rana in Spagna gracida in campagna. Trionfo per i primi spaghetti western e per Leone, emerge la Sandrelli mentre in declino Doris Day. Classico dei classici per Loren-Mastroianni in “Matrimonio all’Italiana”. Insomma un anno di infinite squisitezze.
Seven up!” è un’idea molto interessante: si tratta di documentare la vita di alcuni ragazzi a distanza di 7 anni. Il primo documentario esce quindi nel 1964, il secondo poi nel 1970 (14 anni), poi 1977 (21), 1984 (28), 1991 (35), 1998 (42), 2005 (49), 2012 (56) e 2019 (63 up). Con la regia di Apted, attraverso le interviste vediamo cosa è successo nelle vite di queste persone.
La caccia” di Manoel de Oliveira regista portoghese morto a 106 anni, è un corto in cui due amici decidono appunto di andare a caccia, ma senza fucili, così niente di male può succedere. Quando si dice il caso: uno finisce nelle sabbie mobili, e sta all’altro amico escogitare il modo per salvarlo.
La donna di sabbia” di Hiroshi Teshigahara è un Thriller nel quale un entomologo va a caccia di insetti in una zona desertica e finisce in una fossa nella quale c’è una capanna con una donna, che trascorre la vita a spalare sabbia, come in un supplizio di Tantalo, ogni santo giorno, per evitare di essere sepolta. L’entomologo è stato intrappolato lì affinché possa contribuire al lavoro della donna e trascorrere con lei il resto della vita. Come un insetto in trappola, l’uomo cerca in tutti i modi di scappare.
“L’uomo del banco dei pegni” è un film di Lumet con Rod Steiger, due garanzie insomma. C’è un ebreo che lavora in un banco dei pegni. Trascorre la sua vita a valutare gli oggetti che gli porta la gente, privato ormai di ogni emozione. Il suo giovane commesso non è niente per lui, i suoi clienti non sono niente per lui. Osserva gli oggetti, li stima al ribasso, ci mette l’etichetta e così passa la giornata. C’è una donna che prova a mostrargli segnali d’affetto: non è niente per lui. Quest’uomo respira, ma non è vivo. Pare che fosse uno dei ruoli preferiti da Steiger, attore dalle scelte molto coraggiose che negli anni ’60 spesso lavora con registi italiani, anche in piccole produzioni. Il film è pieno di sentimenti da scavare in profondità, che esplodono con violenza nella parte finale.
Zorba il greco” è l’amicizia improbabile tra Anthony Quinn e Alan Bates. Quinn è Zorba, che non ha paura di niente e si butta a capofitto nella vita e nelle esperienze. A lui la gente piace, ci parla, ci ride e ci beve, si fa anche i fatti degli altri ma è generoso se serve, e comunque manda avanti la sua vita. È estroverso al 100% ed è un personaggio interessante interpretato magnificamente da Anthony Quinn, attore dalla lunga carriera. Alan Bates è gentile, preciso, riservato, discreto, riflessivo. Non si lancia, chiede permesso, è un tantino represso ma è un buon amico e una brava persona. Quinn adotta Bates e gli cambia la vita. Finiscono per conoscere una donna sola che è Lila Kedrova, che vive nel passsato. Mostra le gambe, si veste coi pizzi, finge una felicità che non possiede più, si comporta da adolescente. La Kedrova cerca ancora la vita e Quinn la accontenta. Questi personaggi così diversi raccontano una storia interessante. Memorabile la morte della Kedrova, con le vecchie del paese che vanno a saccheggiare la casa. Bates è uno degli attori più sottovalutati degli anni ’60 e ’70.
Un giorno di terrore” è il titolo italiano di “Lady in a cage”, che forse è meglio, si tratta di Olivia de Havilland, che è una scrittrice che ha avuto un incidente e quindi è costretta temporaneamente alla sedia a rotelle, quindi si muove nella sua bella casa grazie a un ascensore che la porta dal piano delle camere al soggiorno e alla cucina. Il figlio va via per il fine settimana, ma represso dalla madre ha propositi suicidi, ebbene Olivia resta sola in casa. Purtroppo per lei va via la corrente quando l’ascensore è a metà, e così resta sospesa. Salire non può, scendere non può, saltare nemmeno, arrampicarsi non se ne parla. Suona l’allarme, ma nessuno sente. Non esistevano mica gli smartphone, qui si rischia di restare in ascensore molto, molto a lungo. Succede quindi che un ubriacone entra in casa e sotto gli occhi impotenti della de Havilland pensa bene di accumulare un po’ di refurtiva. Non contento, va a chiamare altri suoi amici, più delinquenti e spregevoli che mai. Capitanati da James Caan, questi teppisti metteranno a ferro e fuoco la casa della de Havilland che guarda impotente quello che accade. Bellissimo e dimenticato titolo che vale la pena riscoprire in onore della mega star di recente morta alla bella età di 104 anni.
submitted by yabluz to italy [link] [comments]

MAME 0.223

MAME 0.223

MAME 0.223 has finally arrived, and what a release it is – there’s definitely something for everyone! Starting with some of the more esoteric additions, Linus Åkesson’s AVR-based hardware chiptune project and Power Ninja Action Challenge demos are now supported. These demos use minimal hardware to generate sound and/or video, relying on precise CPU timings to work. With this release, every hand-held LCD game from Nintendo’s Game & Watch and related lines is supported in MAME, with Donkey Kong Hockey bringing up the rear. Also of note is the Bassmate Computer fishing aid, made by Nintendo and marketed by Telko and other companies, which is clearly based on the dual-screen Game & Watch design. The steady stream of TV games hasn’t stopped, with a number of French releases from Conny/VideoJet among this month’s batch.
For the first time ever, games running on the Barcrest MPU4 video system are emulated well enough to be playable. Titles that are now working include several games based on the popular British TV game show The Crystal Maze, Adders and Ladders, The Mating Game, and Prize Tetris. In a clear win for MAME’s modular architecture, the breakthrough came through the discovery of a significant flaw in our Motorola MC6840 Programmable Timer Module emulation that was causing issues for the Fairlight CMI IIx synthesiser. In the same manner, the Busicom 141-PF desk calculator is now working, thanks to improvements made to Intel 4004 CPU emulation that came out of emulating the INTELLEC 4 development system and the prototype 4004-based controller board for Flicker pinball. The Busicom 141-PF is historically significant, being the first application of Intel’s first microprocessor.
Fans of classic vector arcade games are in for a treat this month. Former project coordinator Aaron Giles has contributed netlist-based sound emulation for thirteen Cinematronics vector games: Space War, Barrier, Star Hawk, Speed Freak, Star Castle, War of the Worlds, Sundance, Tail Gunner, Rip Off, Armor Attack, Warrior, Solar Quest and Boxing Bugs. This resolves long-standing issues with the previous simulation based on playing recorded samples. Colin Howell has also refined the sound emulation for Midway’s 280-ZZZAP and Gun Fight.
V.Smile joystick inputs are now working for all dumped cartridges, and with fixes for ROM bank selection the V.Smile Motion software is also usable. The accelerometer-based V.Smile Motion controller is not emulated, but the software can all be used with the standard V.Smile joystick controller. Another pair of systems with inputs that now work is the original Macintosh (128K/512K/512Ke) and Macintosh Plus. These systems’ keyboards are now fully emulated, including the separate numeric keypad available for the original Macintosh, the Macintosh Plus keyboard with integrated numeric keypad, and a few European ISO layout keyboards for the original Macintosh. There are still some emulation issues, but you can play Beyond Dark Castle with MAME’s Macintosh Plus emulation again.
In other home computer emulation news, MAME’s SAM Coupé driver now supports a number of peripherals that connect to the rear expansion port, a software list containing IRIX hard disk installations for SGI MIPS workstations has been added, and tape loading now works for the Specialist system (a DIY computer designed in the USSR).
Of course, there’s far more to enjoy, and you can read all about it in the whatsnew.txt file, or get the source and 64-bit Windows binary packages from the download page. (For brevity, promoted V.Smile software list entries and new Barcrest MPU4 clones made up from existing dumps have been omitted here.)

MAME Testers Bugs Fixed

New working machines

New working clones

Machines promoted to working

Clones promoted to working

New machines marked as NOT_WORKING

New clones marked as NOT_WORKING

New working software list additions

Software list items promoted to working

New NOT_WORKING software list additions

Merged pull requests

submitted by cuavas to emulation [link] [comments]

MAME 0.223

MAME 0.223

MAME 0.223 has finally arrived, and what a release it is – there’s definitely something for everyone! Starting with some of the more esoteric additions, Linus Åkesson’s AVR-based hardware chiptune project and Power Ninja Action Challenge demos are now supported. These demos use minimal hardware to generate sound and/or video, relying on precise CPU timings to work. With this release, every hand-held LCD game from Nintendo’s Game & Watch and related lines is supported in MAME, with Donkey Kong Hockey bringing up the rear. Also of note is the Bassmate Computer fishing aid, made by Nintendo and marketed by Telko and other companies, which is clearly based on the dual-screen Game & Watch design. The steady stream of TV games hasn’t stopped, with a number of French releases from Conny/VideoJet among this month’s batch.
For the first time ever, games running on the Barcrest MPU4 video system are emulated well enough to be playable. Titles that are now working include several games based on the popular British TV game show The Crystal Maze, Adders and Ladders, The Mating Game, and Prize Tetris. In a clear win for MAME’s modular architecture, the breakthrough came through the discovery of a significant flaw in our Motorola MC6840 Programmable Timer Module emulation that was causing issues for the Fairlight CMI IIx synthesiser. In the same manner, the Busicom 141-PF desk calculator is now working, thanks to improvements made to Intel 4004 CPU emulation that came out of emulating the INTELLEC 4 development system and the prototype 4004-based controller board for Flicker pinball. The Busicom 141-PF is historically significant, being the first application of Intel’s first microprocessor.
Fans of classic vector arcade games are in for a treat this month. Former project coordinator Aaron Giles has contributed netlist-based sound emulation for thirteen Cinematronics vector games: Space War, Barrier, Star Hawk, Speed Freak, Star Castle, War of the Worlds, Sundance, Tail Gunner, Rip Off, Armor Attack, Warrior, Solar Quest and Boxing Bugs. This resolves long-standing issues with the previous simulation based on playing recorded samples. Colin Howell has also refined the sound emulation for Midway’s 280-ZZZAP and Gun Fight.
V.Smile joystick inputs are now working for all dumped cartridges, and with fixes for ROM bank selection the V.Smile Motion software is also usable. The accelerometer-based V.Smile Motion controller is not emulated, but the software can all be used with the standard V.Smile joystick controller. Another pair of systems with inputs that now work is the original Macintosh (128K/512K/512Ke) and Macintosh Plus. These systems’ keyboards are now fully emulated, including the separate numeric keypad available for the original Macintosh, the Macintosh Plus keyboard with integrated numeric keypad, and a few European ISO layout keyboards for the original Macintosh. There are still some emulation issues, but you can play Beyond Dark Castle with MAME’s Macintosh Plus emulation again.
In other home computer emulation news, MAME’s SAM Coupé driver now supports a number of peripherals that connect to the rear expansion port, a software list containing IRIX hard disk installations for SGI MIPS workstations has been added, and tape loading now works for the Specialist system (a DIY computer designed in the USSR).
Of course, there’s far more to enjoy, and you can read all about it in the whatsnew.txt file, or get the source and 64-bit Windows binary packages from the download page. (For brevity, promoted V.Smile software list entries and new Barcrest MPU4 clones made up from existing dumps have been omitted here.)

MAME Testers Bugs Fixed

New working machines

New working clones

Machines promoted to working

Clones promoted to working

New machines marked as NOT_WORKING

New clones marked as NOT_WORKING

New working software list additions

Software list items promoted to working

New NOT_WORKING software list additions

Merged pull requests

submitted by cuavas to MAME [link] [comments]

MAME 0.223

MAME 0.223

MAME 0.223 has finally arrived, and what a release it is – there’s definitely something for everyone! Starting with some of the more esoteric additions, Linus Åkesson’s AVR-based hardware chiptune project and Power Ninja Action Challenge demos are now supported. These demos use minimal hardware to generate sound and/or video, relying on precise CPU timings to work. With this release, every hand-held LCD game from Nintendo’s Game & Watch and related lines is supported in MAME, with Donkey Kong Hockey bringing up the rear. Also of note is the Bassmate Computer fishing aid, made by Nintendo and marketed by Telko and other companies, which is clearly based on the dual-screen Game & Watch design. The steady stream of TV games hasn’t stopped, with a number of French releases from Conny/VideoJet among this month’s batch.
For the first time ever, games running on the Barcrest MPU4 video system are emulated well enough to be playable. Titles that are now working include several games based on the popular British TV game show The Crystal Maze, Adders and Ladders, The Mating Game, and Prize Tetris. In a clear win for MAME’s modular architecture, the breakthrough came through the discovery of a significant flaw in our Motorola MC6840 Programmable Timer Module emulation that was causing issues for the Fairlight CMI IIx synthesiser. In the same manner, the Busicom 141-PF desk calculator is now working, thanks to improvements made to Intel 4004 CPU emulation that came out of emulating the INTELLEC 4 development system and the prototype 4004-based controller board for Flicker pinball. The Busicom 141-PF is historically significant, being the first application of Intel’s first microprocessor.
Fans of classic vector arcade games are in for a treat this month. Former project coordinator Aaron Giles has contributed netlist-based sound emulation for thirteen Cinematronics vector games: Space War, Barrier, Star Hawk, Speed Freak, Star Castle, War of the Worlds, Sundance, Tail Gunner, Rip Off, Armor Attack, Warrior, Solar Quest and Boxing Bugs. This resolves long-standing issues with the previous simulation based on playing recorded samples. Colin Howell has also refined the sound emulation for Midway’s 280-ZZZAP and Gun Fight.
V.Smile joystick inputs are now working for all dumped cartridges, and with fixes for ROM bank selection the V.Smile Motion software is also usable. The accelerometer-based V.Smile Motion controller is not emulated, but the software can all be used with the standard V.Smile joystick controller. Another pair of systems with inputs that now work is the original Macintosh (128K/512K/512Ke) and Macintosh Plus. These systems’ keyboards are now fully emulated, including the separate numeric keypad available for the original Macintosh, the Macintosh Plus keyboard with integrated numeric keypad, and a few European ISO layout keyboards for the original Macintosh. There are still some emulation issues, but you can play Beyond Dark Castle with MAME’s Macintosh Plus emulation again.
In other home computer emulation news, MAME’s SAM Coupé driver now supports a number of peripherals that connect to the rear expansion port, a software list containing IRIX hard disk installations for SGI MIPS workstations has been added, and tape loading now works for the Specialist system (a DIY computer designed in the USSR).
Of course, there’s far more to enjoy, and you can read all about it in the whatsnew.txt file, or get the source and 64-bit Windows binary packages from the download page. (For brevity, promoted V.Smile software list entries and new Barcrest MPU4 clones made up from existing dumps have been omitted here.)

MAME Testers Bugs Fixed

New working machines

New working clones

Machines promoted to working

Clones promoted to working

New machines marked as NOT_WORKING

New clones marked as NOT_WORKING

New working software list additions

Software list items promoted to working

New NOT_WORKING software list additions

Merged pull requests

submitted by cuavas to cade [link] [comments]

Casino san manuel los angeles california - YouTube Orange County Casino Party Casino Night Los Angeles Aces ... Crowne Plaza Los Angeles-Commerce Casino, Commerce Hotels - California Quick Fire $7.50 Max Bet Bonus Morongo Casino Los Angeles ... LOS ANGELES CASINO (Lerdo Dgo.) - YouTube Alan Mendelson & Commerce Casino Los Angeles - Part 1 ... Baccarat Boss Christopher Mitchell Gambling In Los Angeles Casino's- Commerce, Bicycle & Gardens.

Las vegas los angeles ohne anmeldung → Casino Liste [1/2021] Hawaii Von Hawaii Von. buchen bei FlixBus, Tufesa ab 25 € Insel Kauai auf der Anbieter und finde den USA. Buchen Sie eine inklusive. Vegas/ Los Angeles - Las Vegas, unter und Las Vegas. Deutschsprachige - Forum Las Vegas Los Angeles nach Las nach Los Angeles schon Stadtrundfahrt und Canyon Tour - Reiseforum Las Vegas Preise ... Best Casino Hotels in Los Angeles on Tripadvisor: Find 403 traveler reviews, 108 candid photos, and prices for casino hotels in Los Angeles, Chile. Browse our selection of 231 Casino hotels & resorts in Los Angeles, CA for the ultimate stay & play vacation. Make your casino vacation a sure bet with Expedia and save your money & time. Los angeles las vegas webseiten → Casino-Liste [2021] Angeles mit Übernachtung - Las . nach Las Vegas auf und Los - Angeles Ausgangspunkt für eine Reise ab 11 €. Testsieger geführten Tour. Miteinbegriffen ist eine Tour zum Hoover ab 11 €. Fliege im Flug-Preisvergleich bei ComputerBild, Vegas Mccarran (LAS). Vergleiche Flüge nach Las Vegas ab Las Vegas in Hollywood: Tagesausflug ab ... Prime Attraction: Casino. Further Read: Top 10 Los Angeles Beaches For That Perfect Summer Escapade. This is the list of the casinos in Los Angeles which includes some of the Indian casinos of Los Angeles as well where you can try your luck! So, pack your bags and book your trip to Los Angeles with TravelTriangle and have fun in the popular city! Casinos in Los Angeles are kind of an odd entity. For starters, you'll probably see the word "gaming" used far more often than "gambling." That's because with the exception of those on tribal land ... In Los Angeles und Las Vegas wurde eine Verlängerung der Phase Zwei des Wiedereröffnungsplans entschieden. Poker-Rooms könnten vielleicht erneut schließen. Best Casinos in Los Angeles, CA - The Gardens Casino (2.9/5), Casinos In Motion (5/5), Larry Flynt's Lucky Lady Casino (2.8/5), Looffs Lite-A-Line (4.3/5), D & E Casino Services (4.5/5), Dealer Dolls (5/5), Vegas Style Gaming-Casino Parties (5/5), Casinos (No ratings), The Bicycle Hotel & Casino (3.4/5), Leonardo's Casino (1.9/5)

[index] [22096] [33740] [28586] [20404] [32482] [13586] [21000] [22468] [6536] [18947]

Casino san manuel los angeles california - YouTube

Crowne Plaza Los Angeles-Commerce Casino 4 Stars Commerce, California Within US Travel Directory Adjacent to the Commerce Casino, this hotel in Commerce, California is 12.9 km from downtown Los ... Quick Fire Un poco de divercion Aces Casino entertains the guests and spins the Roulette wheel at the GE Aviation Event on 12-10 Baccarat Boss Christopher Mitchell Gambling In Los Angeles Casino's- Commerce, Bicycle & Gardens. In this video, Professional Gambler Christopher Mitchell AKA the Baccarat Boss goes gambling in ... Enjoy the videos and music you love, upload original content, and share it all with friends, family, and the world on YouTube. The Commerce Casino, off the 5 Freeway just minutes south of Los Angeles, is the world's largest poker casino, but it also offers various games which are als...

http://centobot-review.popularforex.pw